Haruki Murakami, Il mestiere dello scrittore – p. 73

Perché quando si scrive un’opera di una certa lunghezza, la regolarità è fondamentale. Se scrivessi a tutto spiano quando ne ho voglia e riposassi quando non me la sento, addio regolarità. Di conseguenza scrivo sistematicamente dieci fogli al giorno, come se timbrassi il cartellino.