Davide Enia, Appunti per un naufragio – p. 58

Avevo di fronte una donna che piangeva. Gridava: “Ho perso mio figlio, ho perso in mare mio figlio”. E lo stava dicendo a me. A me che ero lì davanti a lei.